Oreste Spagnuolo: intervista e rivelazioni choc dell’ex killer di camorra / Video

Giulio Golia ha incontrato in località segreta, Oreste Spagnuolo, ex killer di camorra, in un’intervista choc, rilasciata a Le Iene.

L’ex killer, dal 2008 pentito, in località segreta, ha rivelato a Le Iene, dei racconti davvero scioccanti.

Intervista con rivelazioni choc di Oreste Spagnuolo, ex killer di camorra facente parte del gruppo di fuoco capeggiato da Setola

Intervista con rivelazioni choc di Oreste Spagnuolo, ex killer di camorra facente parte del gruppo di fuoco capeggiato da Setola

L’intervista choc di Oreste Spagnuolo ha dello sconvolgente. L’ex killer camorrista, ormai pentito da 8 anni, ha raccontato episodi macabri avvenuti a Napoli. In particolare la strage di Castelvolturno in cui persero la vita diversi extra comunitari. Spagnuolo si è pentito del male che ha fatto, decine e decine di omicidi sono al suo carico. Addirittura non riesce a ricordaresene qualcuno. Giulio Golia incalza con le domande e lui risponde: “Uccidere ti da una sensazione di Onnipotenza”.

Spagnuolo spiega la ferocia con cui il clan Setola, capeggiato da O’ Cecato, Giuseppe Setola ha conquistato il potere. Il boss di camorra, ha ordinato diverse eliminazioni di clan rivali. In particolare, il pentito a Giulio Golia, inviato de Le Iene, racconta che subito dopo la strage di Castelvolturno il boss ha ordinato un omicidio di personaggio nel giro della camorra. Questo per “depistare” gli inquirenti e per far perdere tempo alle indagini. Oreste ha spiegato che Setola non è stato un boss come altri, è stato feroce ed alquanto furbo.

Poi Oreste Spagnuolo spiega le ragioni del pentimento. “Quello di collaborare con la giustizia non è mai una scelta facile. Non lo è per nessun mafioso. Perché è inevitabilmente una scelta di campo. E di vita. Una rottura con il proprio mondo criminale, una resa dei conti con se stesso”.

Rivedi l’intervista con le rivelazioni choc di Oreste Spagnuolo fornita a Giulio Golia, inviato de Le Iene, andata in onda su Italia 1, martedì 4 ottobre 2016 cliccando qui.

Seguici su