Lo strano caso di Meredith Kercher: assolti defintivamente Amanda Knox e Raffaele Sollecito!

assolti-amanda-raffaeleIl finale è da film giallo, una storia lunga sette anni e mezzo, quella che riguarda la morte della studentessa inglese Meredith Kercher, trovata senza vita nel novembre del 2007 a Perugia. I grandi imputati, oltre a Rudy Guede, che ha chiesto rito abbreviato, condannato a 16 anni, erano Amanda Knox e Raffaele Sollecito. In primo grado condannati, in secondo grado avviene il ribaltamento della condanna, entrambi condannati a 28 anni e mezzo per la studentessa americana e 25 per l’informatico italiano vengono assolti. La Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso della Procura Generale di Perugia, il 26 marzo 2013 ha annullato la sentenza assolutoria d’appello d ha rinviato gli atti alla Corte d’Assise d’Appello di Firenze. Ieri sera La quinta sezione penale di Cassazione ha ribaltato il verdetto: Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono assolti definitivamente dal reato a loro ascritto di omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, la sera del primo novembre del 2007.

Per l’omicidio della Kercher è stato condannato in via definitiva con rito abbreviato il cittadino ivoriano Rudy Guede e, in primo grado, come coautori nell’omicidio, la statunitense Amanda Knox, e l’italiano Raffaele Sollecito. I presunti autori del delitto furono successivamente assolti in appello per non avere commesso il fatto, mentre Amanda Knox fu condannata a tre anni di carcere per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba, accusato da lei dell’omicidio e risultato estraneo ai fatti.

Le reazioni sull’assoluzione definitiva di Amanda e Raffaele sono chiaramente contrastanti. La mamma di Meredith Kercher continua a non credere all’innocenza dei due imputati, “Sono sorpresa e scioccata. Strano che la sentenza cambi ora in Cassazione. Al momento non ho alcun piano” queste le uniche parole rilasciate dalla madre di Meredith. Dure la parole del legale Maresca della famiglia Kercher: “Penso che questa sentenza rappresenti una sconfitta per la giustizia italiana. Non e’ stata raggiunta la prova, o almeno cosi’ ci hanno detto i giudici, e non ha un nome chi era in compagnia di Rudy Guede”.

Così termina uno dei processi più seguiti e contorti della storia recente per fatti di cronaca, il delitto di Perugia, l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, con un lungo ed estenuante iter giudiziario che alla fine ha assolto definitivamente dall’accusa di omicidio i grandi imputati Amanda Knox e Raffaele Sollecito. La parola fine, l’ha pronunciata l’avvocato di Sollecito, Giulia Bongiorno che a sentenza definitiva ha telefonato al suo assistito: “Raffaele, hai capito? Hai capito bene. E’ finita. Il processo e’ finito”.

Gianfilippo Bonanno

 

Seguici su

About the Author

gianfilippo bonanno
Gianfilippo Bonanno nato a Castelvetrano in provincia di Trapani il 21 maggio 1978. Ha maturato esperienze sul web su diversi portali d'informazione sportiva (Forza-Roma.com) e su siti d'informazione generalista (www.esclusivista.it). Grande appassionato di sport, di calcio soprattutto, ha maturato anche esperienze dirigenziali avendo ricoperto per anni ruolo di segretario generale e di team manager nella squadra dilettantistica della Folgore di Castelvetrano. Editore e blogger del portale Peoplexpress.it. Suo contatto personale 3494475351