Amici 14: riassunto puntata – 11 aprile, Roberto Saviano ospite da Maria De Filippi

(Foto Tgcom24)

(Foto Tgcom24)

Roberto Saviano era sicuramente l’ospite più atteso della puntata di esordio di “Amici”, il programma presentato da Maria De Filippi e andato in onda sabato 11 aprile 2015 in prima serata. Si è rivolto ai giovani, nel suo discorso, Roberto Saviano, dopo essere stato accolto da applausi scroscianti, e l’ha fatto attraverso le parole e le immagini fotografiche, parlando anche di immigrazione.

Vi riportiamo parte del suo discorso:

“Sicuramente sembra strano che sia qui, cosa c’entro non canto non ballo; scrivo vengo da un altro percorso. Eppure in realtà sono convito che è il posto giusto. Cerco sempre di parlare a ragazzi, mi nutro dell’incontro con loro, vado nelle scuole, nelle università e questa in qualche modo è una scuola particolare e quindi sono contento e lo ritengo un privilegio potervi parlare. Siete in un’età in cui scrivete il futuro, siete in un momento cruciale e la mia generazione come anche la vostra spesso si trova di fronte la possibilità unica di realizzarsi andando via. La maggior parte dei miei amici sono andati via, io sono nato a Napoli e sono andato via e mi torna alla mente un racconto che ha fatto uno scrittore marocchino si chiama Thar Ben Jelloun dove c’è un dialogo tra una bambina, una ragazzina, Malika 14 anni e il protagonista di questo libro chiede: cosa vuoi fare da grande? E la ragazzina risponde partire. Ma partire non è un mestiere! No partire, poi si trova un mestiere. Quante volte avete fatto questo pensiero o lo farete, innanzitutto partire poi si vede. “ (fonte Tgcom24)

Seguici su