Report: occhi puntati su Anas, dal viadotto Scorciavacche alla galleria con poco cemento [VIDEO]

report-milena-gabanelli-anasMilena Gabanelli torna con il suo Report e con le inchieste che aprono gli occhi ai cittadini italiani su aspetti poco chiari della nostra nazione. Report riparte da Anas, l’azienda appaltante più importante d’Italia, società pubblica di proprietà del Ministero dell’Economia e vigilata dal Ministero dei Trasporti, che ha in gestione circa 25.000 chilometri di strade e autostrade. Dal 2006 Anas è diretta da Pietro Ciucci.

Durante il servizio dell’inviata di Report che scopre le “magagne” sui lavori Ciucci risponde alle domande ed ai quesiti pungenti, il servizio inizia con il viadotto Scorciavacche in Sicilia, sulla statale Palermo-Agrigento inaugurato alla fine di dicembre scorso, tre mesi prima della fine dei lavori prevista ma ceduto pochi giorno dopo. Anas con una nota ha comunicato che il cedimento è dovuto a

“Sensibile riduzione del sistema di rinforzo, mancata verifica di idoneità dei piani di posa, scadente esecuzione del drenaggio e della stesa del rilevato, anche in funzione dei materiali utilizzati”. La responsabilità, quindi, per Anas cade sul Direttore lavori per mancato controllo. Non dice, però, che prima di aprire Anas avrebbe dovuto collaudare quel tratto di strada. Ma non l’ha fatto.

Il direttore dei lavori, al telefono risponderà che una simile risposta dell’Anas altro non è che un autogoal pazzesco, anche loro hanno partecipato alla controllo preventivo. Sul problema della galleria La Franca tra Umbria e Marche, intervista ad un operaio che rivela: “Allora questa è la volta della galleria, l’arcatura, queste sono le spalle, che devono tenere lo sforzo, ma qua cemento non ce n’è! Ci sono 10 cm e invece dovrebbero essercene minimo 40. Non c’è lo spessore. E può cascare. Essendo una zona sismica, trema, si rompe, e tristo chi passa sotto”.

Il Presidente di Anas Ciucci ha risposto: “A prima vista mi sembrano affermazioni difficilmente confermabili, perché le gallerie le controlliamo anche in corso d’opera. Su La Franca abbiamo effettuato test su più del 20% del percorso, in ogni caso andremo a verificare e controllare l’intero tratto della galleria- Le indagini dureranno 4 giorni e per i risultati ce ne vorranno altri 10”.

Guarda il video della prima parte di Report del 12 aprile 2015:

Redazione Peoplexpress