Checco Zalone: accusato di plagio, risponde alla sua maniera

checcozalone1Checco Zalone qualche giorno fa ha ricevuto un’accusa di plagio da parte dello scrittore tarantino Alex De Vietro che ha presentato esposto alla Procura sostenendo che la trama del film di successo di Zalone “Sole A Catinelle” sia stata scritta precedentemente da lui e depositata alla Siae nel 2012. Checco Zalone, autore e attore di successo, si è sempre distinto per la sua ironia, ha sbancato i botteghini con i suoi film grazie al suo grandioso talento e dall’alto della sua ironia risponde a tale Alex De Vietro che lo ha accusato di plagio:

“Quindi cari sceneggiatori, se scrivete una storia in cui il protagonista alla fine muore, sappiate che i diritti sono dei signori Marco, Matteo, Luca e Giovanni”. Lorenzo Medici in arte Checco Zalone ha voluto scherzare anche nella risposta a chi lo accusa di plagio. Certo bisognerà comprendere se il giudice che si occuperà del presunto plagio del manoscritto di Sole A Catinelle valuterà di procedere a carico di Checco Zalone.

La persona che ha denunciato di plagio Checco Zalone è un ventiduenne tarantino che ha già provveduto ad adire alle vie legali, così come rimarcato dalla stampa qualche giorno fa: “La trama del film di Checco Zalone ‘Sole a catinelle’ sembrerebbe appartenere al 22enne tarantino Alex De Vietro”. Lo denuncia l’avv. Fabrizio Lamanna, che ha presentato un esposto in Procura a Taranto per conto dello scrittore. Secondo il denunciante, il film prodotto dalla Taodue, uscito nelle sale italiane il 31 ottobre 2013 “riprenderebbe pedissequamente il nucleo individualizzante di un manoscritto di creazione del De Vietro depositato in data 13 giugno 2012 presso l’ufficio Siae”. (Fonte Ansa)

Redazione Peoplexpress

Seguici su