Fedez: rissa al Just Cavalli, ferita una ragazza, il rapper inveisce prima contro gli agenti poi li denuncia

Una lite ha visto protagonista il noto rapper Fedez l’altra notte a Milano nel famoso locale della movida Just Cavalli. Secondo quanto raccontato dai presenti, Fedez si sarebbe rifiutato di fare una foto assieme ad un gruppo di giovani frequentatori del locale che gli avevano chiesto un selfie. Il rapper ha reagito in malo modo ed avrebbe, secondo le indiscrezioni rilanciate sul web, lanciato una bottiglia che ha colpito una vetrata, il vetro in frantumi ha colpito una ragazza che era nelle vicinanze, rimasta ferita.

Fedez-2013-1Subito dopo l’episodio, Fedez avrebbe voluto lasciare il locale ma i buttafuori non hanno consentito l’uscita, lo stesso avrebbe chiamato le forze dell’ordine ma nonostante l’arrivo della Polizia, il rapper è stato trattenuto all’interno del locale, episodio che ha mandato su tutte le furie l’artista che poco dopo si è presentato in questura per sporgere denuncia.

Secondo quanto riporta il Messaggero: “Fedez ha inveito contro i poliziotti accusandoli di non fare bene il proprio lavoro e ha annunciato che avrebbe sporto querela contro di loro. Cosa che ha fatto poco dopo presentandosi in questura e denunciando il cattivo operato delle forze dell’ordine che non lo avrebbero tutelato adeguatamente in quanto personaggio famoso. Inoltre, a suo dire gli agenti avrebbero operato un abuso di potere evitando di farsi identificare e non identificando a loro volta i buttafuori che gli avevano impedito di lasciare subito la discoteca”.

Il numero uno dei rapper italiani sta vivendo un momento magnifico dal punto di vista professionale, Fedez è sulla cresta dell’onda per via dei tantissimi dischi venduti, lui che sarà impegnato prossimamente con il suo nuovo tour a seguito del suo ultimo lavoro discografico PopHoolista. Negli ultimi tempi però Fedez si è reso protagonista di alcune polemiche, specie quando alla vigilia dell’Expo ci furono delle manifestazioni contro la rassegna internazionale.

Redazione Peoplexpress

Seguici su