As Roma: Garcia trema, Pallotta vuole cambiare Sabatini no! E Spalletti attende

Roma-Milan era una sfida da ultima spiaggia per entrambi le panchine, da una parte Rudy Garcia sulla panchina della Associazione Sportiva Roma e dall’altro Sinisa Mihajlovic, tecnico in bilico della Associazione Calcio Milan. Il risultato finale non è servito a nulla, anche se il secondo tempo del Milan ha in parte salvato Mihajlovic, mentre in casa della As Roma, Garcia appare ormai lontano da Trigoria, e non si esclude che nelle prossime ore James Pallotta, nonostante la grande difesa al tecnico francese da parte di Walter Sabatini, ds giallorosso, mette la firma sulla scossa da dare a tutto l’ambiente.

rudy-garcia-as-romaCambio di guardia che ormai a Roma aspettano tutti, tranne lo stesso Garcia ed il direttore sportivo della Roma, Walter Sabatini, il nome più caldo e caldeggiato dalle parti di Trigoria è quello di Luciano Spalletti. Già il 21 dicembre scorso, la Roma fu vicinissima all’esonero di Garcia, nonostante la vittoria in casa contro il Genoa. La pausa natalizia non ha portato quella voglia di rivincita che il tecnico della Roma ha riferito in ogni sua dichiarazione, i problemi della Roma non potevano essere risolti in 15 giorni di vacanza, come riferisce l’inviato di Sky Sport da Trigoria, Paolo Assogna, nell’ambiente vicino alla Roma tutti volevano per pausa per il rilancio ed invece si è voluto nascondere quello che è il vero problema della squadra giallorossa, non fisico ma mentale e tecnico.

Pallotta lo ha compreso, Sabatini pure ma il ds della Associazione Sportiva Roma 1927 difende a spada tratta il suo progetto tecnico, l’esonero di Garcia sarebbe un fallimento ed in queste pesanti ore sta cercando di salvare il salvabile. Luciano Spalletti sarebbe un ritorno graditissimo, l’uomo della svolta, l’ex tecnico della Roma, per James Pallotta è il nome giusto per riportare entusiasmo e soprattutto dare una scossa alla squadra che anche contro il Milan, ha dimostrato di non avere più le idee chiare, una Roma scollata, priva di fantasia, senza voglia e con una psiche che lo stesso Rudy Garcia non riesce a comprendere.

Sul possibile esonero e l’arrivo di Luciano Spalletti al suo posto, Rudy Garcia ha detto: “E’ l’ultima preoccupazione che ho, l’unica cosa a cui penso è come migliorare. Dobbiamo confermare la prestazione del primo tempo e cancellare quella del secondo”. Mentre Garcia pensa a come risolvere i suoi problemi di squadra, Pallotta medita il cambio di guardia facendo riscaldare Luciano Spalletti. Walter Sabatini, ds giallorosso, però tenta l’ultima difesa…

Seguici su