Vittorio Sgarbi Facebook Statue Coperte: “La sola cosa da coprire alla vista di Rouhani era la faccia di Alfano”

Vittorio Sgarbi Facebook Statue Coperte: “La sola cosa da coprire alla vista di Rouhani era la faccia di Alfano” – Ieri è stata una giornata che ha “imbestialito” Vittorio Sgarbi, noto critico d’arte, che non ha gradito ed accettato, la decisione di coprire i nudi ai Musei Capitolini, per la visita Hassan Rouhani, personaggio politico iraniano, decisione presa dal Governo Italiano, da Renzi fino ad Alfano, e le critiche di Vittorio Sgarbi, sui social, e principalmente su Facebook non sono mancate.

statue-coperte-vittorio-sgarbi-facebookIl caso delle Statue Coperte ha fatto il giro del mondo, Vittorio Sgarbi è stato uno dei tanti a dover difendere il patrimonio artistico italiano, uno dei più grandi e belli al mondo, secondo Sgarbi, è inammissibile che una visita del presidente Hassan Rouhani, possa comportare questa situazione poco gradita.

Vittorio Sgarbi, Facebook, su Statue Coperte, Nudi Musei Capitolini – “E’ da Capre ignoranti, è sconcertante”, poi Vittorio Sgarbi spiega: “Rouhani non avrà certo pensato ad un tributo di rispetto, avrà pensato a lavori in corso, di ristrutturazione. Un assurdo logico. Rouhani a Roma di certo non si stupisce che possano esserci statue di nudi. Confondere Rouhani, il presidente dell’Iran, di una grande civiltà islamizzata, con Bin Laden o al Al Baghdadi è frutto di ignoranza abissale, bisogna essere ignoranti come delle capre e di fronte a questi abissi di ignoranza, è stato abolito un importante istituto come l’Isiao, Istituto italiano per l’Africa e l’Oriente e invece dovremmo conoscere meglio quella civiltà, soprattutto in un momento come questo”.

Vittorio Sgarbi audio intervista Statue Coperte Hassan Rouhani clicca qui.

Seguici su