Giorgia Meloni a Porta a Porta: “Accusata e offesa ingiustamente, Luciana Littizzetto pesante” VIDEO

Giorgia Meloni, intervistata, nel giorno del Family Day, ha dichiarato di essere incinta per la prima volta, la gravidanza della Meloni ha scatenato un putiferio di critiche, tanto che la leader di Fratelli d’Italia è stata insultata da colleghi politici, da personaggi dello spettacolo come Luciana Littizzetto che durante la trasmissione Che Tempo Che Fa di domenica 31 gennaio 2016, nel suo consueto spazio, rivolgendosi a Fabio Fazio, aveva detto che la Meloni era in attesa di un “meloncino” e che sembrava strano che lei partecipasse al Family Day nonostante non fosse sposata con il suo compagno.

meloni-porta-a-porta-videoGiorgia Meloni a Porta a Porta da Bruno Vespa ha spiegato che dietro la sua dichiarazione di maternità non c’è assolutamente una propaganda politica, quasi emozionata, quando il conduttore gli chiede quando nascerà il primogenito, lei risponde: “A Settembre”. Bruno Vespa alla Meloni chiede quali affermazioni l’hanno più ferita, il leader di Fratelli d’Italia ha risposto: “Il mio ufficio stampa mia vietato di guardare sui social quante cattiverie sono uscite sul mio conto e sul bimbo che arriverà, ci sono rimasta male di Luciana Littizzetto e di Vladimir Luxuria, fra l’altro, Vladimir non nuovo ad affermazioni pesanti sul mio conto, quando ha fatto battute poco eleganti sul rapporto con mio padre. O Gay o Trans a mio figlio vorrò bene con tutto l’amore che una mamma può dare ad un figlio”.

Giorgia Meloni a Porta a Porta contro Vladimir Luxuria: “Se io avessi detto qualcosa del genere su Vladimir Luxuria mi sarei dovuta dimettere da deputata. E invece lei si permette di insultare. Se avessi un figlio gay o trans lo amerei ugualmente, ma non cambierei idea in tema di adozioni. Mi dà fastidio che alcuni esponenti della lobby gay, che è diversa dalla comunità omosessuale, pensano di poter insultare dall’alto della propria posizione”.

Per rivedere Giorgia Meloni a Porta a Porta del 2 febbraio clicca qui.

Seguici su