Le Iene: Servizio Pelazza “Chiusi in casa per non morire” / Video

Luigi Pelazza si è reso protagonista a Le Iene di martedì 8 marzo 2016, di un servizio dedicato ad un clan di Napoli, quartiere Sanità, che dopo anni di dedicarsi alle estorsioni ed agli affari malavitosi si scinde, alcuni decidono di pentirsi ed il clan, diventato rivale, decide di farli fuori. La testimonianza di una famiglia i cui appartenenti vivono “Chiusi in casa per non morire”.

Le Iene: Servizio Pelazza "Chiusi in casa per non morire" / Video

Le Iene: Servizio Pelazza “Chiusi in casa per non morire” / Video

Pelazza a Le Iene racconta le condizioni di vita di questa famiglia, la donna intervistata, racconta della morte del marito e della paura perchè il clan della Sanità ha deciso di farli fuori perchè appartenenti ad una famiglia di pentiti.

La paura è sempre dietro l’angolo, la signora Celeste racconta in maniera scioccante le minacce portate dal clan Sequino, la famiglia che oggi comanda il rione Sanità. Pelazza per Le Iene, decide di incontrare un esponente della famiglia Sequino, con l’intento di capire se l’incubo che vive Celeste con la sua famiglia possa finire.

La iena Luigi Pelazza è andato ad incontrare il sindaco di Napoli, De Magistris, il quale ritiene che è inammissibile che bambini non possono andare a scuola perchè la propria famiglia vive sotto le minaccia di un clan di camorra. Il servizio a Le Iene si conclude con le promesse del primo cittadino di Napoli. Per rivedere il servizio di Pelazza clicca qui.

Seguici su