Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere

Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere. La scorsa notte, Marc Prato, uno degli accusati della tragica fine del “povero” Luca Varani, assieme a Manuel Foffo, si è tolto la vita. Intorno all’una e trenta, Prato, pr romano, è andato in bagno e si è suicidato con un gas tenendo la testa in un sacco di plastica. Una storia triste e di macabra atrocità quella perpetrata la sera del 4 marzo 2016 a Roma.

Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere. Marc Prato, uno degli accusati della tragica fine di Luca Varani, si è tolto la vita.

Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere. Marc Prato, uno degli accusati della tragica fine di Luca Varani, si è tolto la vita.

I due giovani accusati avevano straziato, dopo un festino a base di alcool e droga, il corpo di Luca Varani. Durante le indagini, condotte dal pm Francesco Scavo, si sono accusati a vicenda. Prato aveva scelto di parlare con il magistrato solo dopo molti mesi. Il carcere, la vita senza futuro, il rimorso, devono avergli fatto decidere che era meglio morire.

Il giovane aveva scelto di farsi processare con il rito ordinario, mentre il complice Foffo era già stato condannato a trenta anni di carcere con l’abbreviato. Il processo nei confronti di Prato è iniziato ad aprile scorso. In carcere Prato aveva scoperto di essere sieropositivo. (Fonte IlMessaggero).

Dopo il delitto della notte fra il 4 e 5 marzo 2016, sono state ritrovate alcune lettere e messaggi scritti da Prato che era pronto a togliersi la vita. Sei mesi dopo il massacro, nella stanza di albergo, dove Marco Prato era fuggito, gli inquirenti avevano trovato diverse lettere che non lasciavano dubbi sul possibile suicidio di Prato già allora: “Chiedo scusa a tutte le persone a cui ho fatto qualcosa. Vi scrivo mentre me ne sto andando. Mamma e papà vi amo e vi ho sempre amati, non ho rancore o rabbia, solo amore per voi. Mamma ti ho amata ogni giorno della mia vita e non devi pensare nemmeno un secondo ai nostri silenzi perché per me non sono mai esistiti. Sto male o forse sono sempre stato così, ho scoperto cose orribili dentro di me e nel mondo. Fa troppo male la vita”.

Prato ha aggiunto: “Non avete nessuna responsabilità nè avete fatto nulla per essere complici dell’autolesionismo. Cercate di essere sereni, amatevi e non sentitevi mai in colpa. Non indagate sui miei risvolti torbidi, non sono belli”.

Per saperne di più sulla notizia “Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere” clicca qui

Seguici su