Chi l’ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci | Video

Chi l'ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci. "Il canaro è un pupazzo. Non è stato lui a uccidere mio figlio" dice Vincenzina Carnicella, la mamma di Giancarlo Ricci. Ne ha parlato nel corso della puntata di "Chi l'ha visto?" di mercoledì 16 maggio 2018.
Chi l'ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci. "Il canaro è un pupazzo. Non è stato lui a uccidere mio figlio" dice Vincenzina Carnicella, la mamma di Giancarlo Ricci. Ne ha parlato nel corso della puntata di "Chi l'ha visto?" di mercoledì 16 maggio 2018.

“Il canaro è un pupazzo. Non è stato lui a uccidere mio figlio” dice Vincenzina Carnicella, la mamma di Giancarlo Ricci. Ne ha parlato nel corso della puntata di “Chi l’ha visto?” di mercoledì 16 maggio 2018.

Chi l’ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci. Tra i tanti casi trattati dalla trasmissione condotta da Federica Sciarelli, quello relativo al feroce omicidio di Giancarlo Ricci.

Il racconto della madre di Ricci.  “Si è addossato la colpa perché qualcuno lo ha spaventato e gli ha detto che avrebbe fatto la stessa fine. Dentro il negozio c’erano quattro impronte di scarpe. Di chi sono?”

Chi l'ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci. "Il canaro è un pupazzo. Non è stato lui a uccidere mio figlio" dice Vincenzina Carnicella, la mamma di Giancarlo Ricci. Ne ha parlato nel corso della puntata di "Chi l'ha visto?" di mercoledì 16 maggio 2018.

Chi l’ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci. “Il canaro è un pupazzo. Non è stato lui a uccidere mio figlio” dice Vincenzina Carnicella, la mamma di Giancarlo Ricci. Ne ha parlato nel corso della puntata di “Chi l’ha visto?” di mercoledì 16 maggio 2018.

Poi la donna si rivolge a lui, Pietro De Negri. “Se sei onesto vienimi a trovare e dimmi la verità”. De Negri, ribattezzato “er canaro” per via del suo negozio di tolettatura per cani al quartiere della Magliana, dove il 18 febbraio 1988 si consumò il feroce omicidio dell’ex pugile dilettante Ricci, fu condannato a 24 anni ed è tornato in libertà nell’ottobre del 2005.

Oggi la richiesta alla Procura di Roma di nuove indagini da parte del legale della signora Carnicella, per la ricostruzione della dinamica e del movente dell’omicidio.

Chi l’ha Visto? Replica di mercoledì 16 maggio: il feroce omicidio di Giancarlo Ricci

Seguici su