Quota 100: approvata la riforma alla legge Fornero

Quota 100: il Governo approva la riforma alla legge Fornero. Da febbraio 2019 la quota 100 darà il via all’addio alla Fornero e la pace fiscale.

Che cos’è la Quota 100. La Quota 100 è una proposta di revisione parziale della Riforma delle Pensioni introdotta nel 2011 durante il Governo Monti dall’allora Ministro Elsa Fornero (Riforma Fornero).

La sua introduzione, annunciata dai vicepremier Salvini e Di Maio per il 2019, consentirà la l’uscita anticipata dal mondo del lavoro (rispetto alla Legge Fornero) per tutti coloro che vantano un’anzianità lavorativa che, sommata all’età anagrafica, risulti 100. Si ipotizza una soglia minima di età di 64 anni. Ad esempio, il prossimo anno un lavoratore con 35 anni di contributi e 65 di età potrebbe andare il pensione due anni prima rispetto alla Riforma pensioni Fornero (che richiede almeno 67 anni).

QUOTA 100: tutto quello che c’è da sapere.

Il primo commento di Matteo Salvini. “Sono stanco ma estremamente soddisfatto. Manteniamo gli impegni presi, gradualmente ma con coraggio, a partire dallo smontare mattone per mattone la legge Fornero, restituendo il diritto alla pensione già dal prossimo 2019, senza penalizzazioni di alcun tipo”.

Con la Quota 100 l’obiettivo è quello di dare una sostanziosa iniezione di ossigeno per 400mila italiani. Si partirà, dunque, con lo schema 62-38 per quest’anno con cui Salvini conta di dare inizio a un percorso che vale sette miliardi quest’anno. È chiaro che l’obiettivo finale è azzerare tout court la Fornero inserendo quota 41″.

Seguici su