Fase 2 Coronavirus: Parrucchieri e centri estetici tra 11 e 18 maggio, l’indiscrezione del Corriere

fase 2 riapertura parrucchieri emergenza coronavirus italia

In questi giorni a tenere banco sono le notizie relative alle prossime riaperture che sanciranno l’avvio della Fase 2 nell’emergenza Coronavirus in Italia. Anche per i parrucchieri ed i centri estetici c’è uno spiraglio. Dapprima le proiezioni davano per certo la loro riapertura verso la fine di maggio adesso, secondo un’indiscrezione del Corriere della Sera sembra probabile che nei giorni compresi fra l’11 maggio ed il 18 maggio potranno riaprire.

Ecco quanto riporta la nota testata giornalistica del Corriere: Dal parrucchiere si potrà andare solo su appuntamento perché nei saloni di bellezza il rapporto tra personale e cliente dovrà essere di uno a uno. Si tratta di un settore ritenuto ad alto rischio, tanto che la riapertura al momento è fissata tra l’11 e il 18 maggio con l’incognita legata all’andamento dell’epidemia.

È possibile che la pulizia possa essere obbligatoria anche più di due volte al giorno. I dispenser dovranno essere all’ingresso e vicino alle casse. Gli strumenti di lavoro dovranno essere disinfettati. Obbligatorio per tutti indossare mascherine e guanti. Anche per i centri estetici l’indice di rischio è altissimo, dunque si dovrà seguire lo stesso modello utilizzato nei laboratori medici. Valgono gli stessi obblighi dei parrucchieri con la prescrizione di sterilizzare tutti i ferri e gli altri strumenti di lavoro.

La misura di riferimento del governo è di 40 metri quadri. Serve a stabilire quanti dipendenti possono essere presenti e a regolare l’ingresso dei clienti. Chi ha locali di questa metratura potrà consentire l’accesso di una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori.

Se il negozio è più piccolo si dovrà garantire il rapporto di un lavoratore e un cliente mantenendo la distanza di almeno un metro. Per quelli oltre 40 metri quadri l’accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.

Leggi anche: