Decreto Rilancio: in sintesi tutte le misure da 55 miliardi di euro

nuovo decreto rilancio

Finalmente è arrivato il tanto atteso Decreto Rilancio, ex decreto aprile ed ex decreto maggio, una manovra di 55 miliardi. Misure economiche rivolte a famiglie, imprese e senza reddito. Un maxi decreto che migliora quanto stabilito nel primo decreto “Cura Italia”. Istituito il tanto atteso Reddito di Emergenza, bonus autonomi, bonus stagionali, Cassa integrazione, Bonus colf e badanti, congedi, aiuti a fondo perduto per piccole e medie imprese. Di seguito in sintesi tutte le misure previste dal Nuovo Decreto Rilancio comunicato dal premier Conte ieri sera. (Fonte Adnkronos)

REM. Arriva il reddito di emergenza per le famiglie con Isee inferiore ad euro 15.000 e un patrimonio mobiliare familiare nel inferiore a 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000. E’ erogato da maggio dall’Inps in due quote ciascuna pari a 400 euro.

BONUS AUTONOMI, COCOCO. Resta a 600 anche per il mese di aprile il bonus per i liberi professionisti e i co.co.co già beneficiari dell’indennità a marzo. Per i liberi professionisti iscritti alla gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito comprovate perdite (riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020 rispetto a quello del secondo bimestre 2019), è riconosciuto un bonus da 1000 euro per maggio. Mille euro a maggio anche per i cococo sempre iscritti alla gestione separata non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, aventi specifici requisiti.

BONUS STAGIONALI. Per i lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali soggetti già beneficiari a marzo dell’indennità pari a 600 euro viene erogata un’indennità di pari importo anche per aprile. Bonus da mille euro a maggio per i lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di Naspi.

CIG PIU’ LUNGA E PIU’ VELOCE. Il dl estende ulteriormente la Cig di ulteriori 9 settimane (dopo le prime 9 previste dal dl Cura Italia): si tratta di 18 settimane quindi in tutto, delle quali fino a 14 per il periodo dal 23 febbraio al 31 agosto per i soli datori di lavoro che abbiamo interamente fruito il periodo precedentemente concesso. È inoltre riconosciuto un eventuale ulteriore periodo di 4 settimane dal 1 settembre 2020 al 31 ottobre 2020. Per accelerare il pagamento dell’integrazione salariale ed evitare i ritardi del dl Cura Italia vengono introdotte delle norme con un ‘calendario’ delle procedure per l’esborso con l’obiettivo di assicurare i pagamenti entro un mese e mezzo dalla presentazione delle domande, a patto che la richiesta sia stata formulata in modo corretto e completo.

CONTINUA